La Regola

Posted by on Set 7, 2017

La Regola

San Benedetto di Norcia (480 – 547) è il padre di tutto il monachesimo benedettino. Scrisse la sua Regola a Montecassino verso l’anno 530 circa. La Regola Benedettina si è diffusa velocemente ed ha inspirato lungo i secoli schiere innumerevoli di monaci e monache a lasciare tutto ed a mettersi al servizio di Dio. La Regola consiste in 73 capitoli che organizzano quasi ogni dettaglio della vita all’interno del monastero. Dalla descrizione della figura dell’Abate (cap.2) passa ai valori fondamentali della vita monastica quale l’obbedienza (cap. 5), il silenzio (cap.6)  o l’umiltà (cap. 7) per poi definire i doveri monastici, la vita di tutti i giorni, le colpe e le sanzioni, come prendersi cura degli ammalati e numerosi altri aspetti della vita comunitaria.

San Benedetto non ha scritto un manuale per progredire nella perfezione personale, ma ha lasciato a tutti i suoi figli e le sue figlie disposizioni molto concrete di vita vissuta in comunità che mostrano la cura premurosa e disillusa di un padre buono che sta a capo di una famiglia non troppo perfetta. La Regola è invece frutto di lunghi anni di esperienza vissuta e infonde capitolo per capitolo amore, impegno, rispetto e moderazione. Già nelle prime parole si riconosce la carità premurosa e paterna che vuole spingere al impegno personale: “Ascolta, o figlio, i precetti del maestro e apri docilmente il tuo cuore; accogli volentieri i consigli del tuo padre buono e mettili efficacemente in pratica.” (RB, Pr 1) e quando si accinge a descrivere lo zelo buono che devono avere i monaci si esprime così: “si prevengano l’un l’altro nel rendersi onore, sopportino con somma pazienza le proprie miserie fisiche e morali; si prestino a gara obbedienza reciproca; nessuno segua quel che gli sembra utile per sé, ma piuttosto ciò che è utile agli altri; si amino fraternamente con casta dilezione; temano Dio nell’amore; amino il loro abate con sincera e umile carità; nulla assolutamente antepongano a Cristo, il quale ci conduca tutti insieme alla vita eterna.” Nella Regola il Santo Padre Benedetto indica a tutti i suoi figli la via verso il cielo, invitandoli a mettere in pratica il vangelo con umiltà, semplicità e pace profonda

Menù informativo